Booking.com

LABIOMISTA (letteralmente “mix di vita”), è un progetto nato da un’idea appassionata, cresciuta nell’entusiasmo di un’avventura e infine concretizzatosi in una realtà in cui credere: un luogo di cultura teso a restituire stimoli, sguardi e il riemergere di un pensiero critico sul rapporto tra arte e scienza e sull’incontro tra la ricerca artistica e la società nella sua accezione più ampia.

Medusa, 2019 Marble sculpture, taxidermy CM 87 x 42 x 37

A realizzarlo è l’artista di fama internazionale Koen Vanmechelen

artista concettuale che focalizza il suo lavoro sulla diversità e identità bioculturale. Nella città belga di Genk egli ha instaurato una collaborazione con la comunità locale al fine di sperimentare un inedito modello di sosteni- bilità ambientale, nel quale arte e scienza si scambiano continuamente il proprio ruolo contaminandosi e rigenerandosi, condividendo una medesima prospettiva, cioè che la ricerca e la produzione artistica non sono separate dalle questioni centrali della società, dall’economia e dall’individuazione di forme sostenibili di innovazione.

LABIOMISTA, occupa un territorio di oltre 24 ettari

immerso nella natura e comprende una serie di spazi ed edifici progettati dall’architetto Mario Botta, a partire dallo studio di Koen Vanmechelen, un grande ambiente che dialoga con gli attigui spazi esterni. L’arte di Vanmechelen, diventa dunque un sistema che accresce le opportunità di benessere poiché è uno degli strumenti capaci di rafforzare e di valorizzare attività e processi sostenibili. In questo senso l’opera d’arte contemporanea si mostra capace di generare un nuovo rapporto tra spazi del quotidiano e qualità della vita, cosciente che il mondo sta cambiando velocemente e il passaggio da una cultura del consumo a pratiche che ci responsabilizzano è un compito che attende tutti noi.

Labiomista, photo by Jeron Verrecht

Le sfide possano essere affrontate soltanto attraverso il confronto e la sperimentazione, e in tal senso Koen Vanmechelen promuove pratiche sostenibili con tutti i mezzi a sua disposizione. Una delle prime iniziative di “arte vivente” promosse da Vanmechelen è il Cosmopolitan Chicken Project, un programma di incroci attraverso cui l’artista alleva polli di differenti paesi diversificandone il patrimonio genetico, aumentandone in tal modo la fertilità, l’immunità e la varietà estetica.

Il progetto ha stimolato iniziative simili in tutto il mondo e collaborazioni con scienziati di diversi settori per esaminare l’importanza della diversità per costruire la resilienza, cambiare le prospettive sull’ambiente e le relazioni tra natura e cultura.

“Penso che LABIOMISTA promuoverà dibattiti tra una vasta gamma di persone dal pubblico agli artisti agli studiosi su come si possano creare comunità più diverse, sostenibili, resilienti e impegnate, e anche sulle nostre relazioni con le altre creature viventi”, afferma Koen Vanmechelen. “

© Koen Vanmechelen, foto citta di Genk by Tony Van galen

È emozionante riunire i vari aspetti del mio lavoro in un unico centro e vedere quali nuove idee e progetti possano nascere da questo, qui e anche altrove”. Riunendo ed esplorando l’interazione tra arte, scienza e filosofia nel suo lavoro, Vanmechelen riflette sul nostro patrimonio globale ed esamina il modo in cui tutti noi, scegliamo di vivere ed evolvere.

Articolo precedenteVenezia, non solo Biennale d’Arte
Articolo successivoGeorg Baselitz ed Emilio Vedova a Venezia